Cosa significa "dovere di riservatezza" Mean?

Un dovere di riservatezza si riferisce ad un obbligo etico imposto su qualcuno, o da un rapporto speciale riconosciuto dalla legge; per gli standard di una certa professione; o dalle disposizioni di un contratto vincolante. Il dovere di mantenere le comunicazioni riservate può sorgere in virtù di un avvocato-cliente, medico-paziente o una relazione prete pentito. Ciascuna di queste relazioni è riconosciuto dalla legge come avere uno status speciale che impedisce la divulgazione di informazioni private.

Uno dei più affermati ed inviolata di queste relazioni, che dà luogo ad un obbligo di riservatezza, è quella di un avvocato e il suo cliente. Un avvocato, o l'avvocato, è il dovere di mantenere le confidenze del suo cliente riservate. Qualsiasi comunicazione tra le due parti sono caratterizzate come privilegiati, e l'avvocato è eticamente tenuto a mantenere le conversazioni riservate. La natura del rapporto, e gli obblighi che impone avvocati, è codificato nei Canoni di Responsabilità Professionale con la quale tutti gli avvocati sono tenuti.

Un avvocato non può essere costretto dal governo di violare il suo giuramento di riservatezza o di rivelare comunicazioni riservate con il suo cliente. Non tutte le comunicazioni con un avvocato sono privilegiati. Affinché uno per sollevare il privilegio, deve prima stabilire un rapporto avvocato-cliente. Se un individuo sollecita un avvocato per la consulenza e nessun rapporto avvocato-cliente formale si sviluppa, di solito, l'avvocato è ancora legato per il trattamento di sue conversazioni con l'individuo come privato.

Anche se il dovere di riservatezza imposto l'avvocato, il privilegio appartiene in realtà al cliente, non l'avvocato. Il cliente può rinunciare al privilegio e riservatezza del rapporto dal divulgare il contenuto delle sue comunicazioni con il suo avvocato a terzi. In tali casi, il cliente si dice che abbia rinunciato alla privilegio. Un avvocato può rivelare informazioni riservate a terzi solo con il consenso del cliente. In caso di dubbio sul fatto che il cliente ha rinunciato al privilegio, in tutto o in parte, l'avvocato deve ottenere espressa autorizzazione prima dal client, prima di divulgare informazioni.

Un dovere di riservatezza può sorgere anche in virtù di un obbligo contrattuale. Spesso una società cercherà di proteggere i propri segreti commerciali o informazioni proprietarie dalla divulgazione non autorizzata, richiedendo coloro che possono essere esposti a tali informazioni per eseguire un accordo di non divulgazione. Un individuo che è parte di tale accordo ha il dovere legale di non divulgare le informazioni riservate a terze parti. Dal momento che la diffusione non autorizzata delle informazioni proprietarie da parte del destinatario per altri potrebbe causare un danno irreparabile agli interessi commerciali della parte rivelante, una violazione delle disposizioni di riservatezza potrebbe sottoporre il destinatario delle informazioni alla responsabilità.

  • Pazienti medici hanno una presunzione di riservatezza.
  • Professionisti legali devono mantenere la riservatezza con i loro clienti.